<bgsound src='URL_MP3' loop='infinite'> ISTANTANEE IN ACQUERELLO

mercoledì 25 settembre 2019

Lago "Nero" - Val Nambrone (Parco Naturale Adamello e Brenta)



Il Parco Adamello e Brenta, nel Trentino Occidentale, si estende per una superficie di 620 Km. quadrati, e annovera al suo interno luoghi di natura rigogliosa e selvaggia fra i più belli delle Dolomiti. 

Percorrendo all'interno di esso la Val Nambrone, si sale in quota dove dominare con lo sguardo un panorama montano di rara bellezza, specie durante una limpida giornata di fine estate. Ed ecco che da qui, con una mezz'ora di cammino, si giunge al lago "Nero", magnifico specchio acquatico ad un'altezza di 2.200 metri sul livello del mare.





Non è possibile descrivere la bellezza della conca all'interno della quale si trova il lago. Si avverte una pienezza di sensazioni rilassanti e magnifiche, che solo l'ambiente naturale nel suo aspetto più selvaggio riesce ad infondere. 




Ovunque ci si giri, si è contaminati da una spaziosità silente, cristallina e sospesa, dove da un lato si lascia libera la mente di scivolare in una dimensione di quiete e bellezza, mentre dall'altro, almeno personalmente, non si riesce a non fare a meno di scattare, e immortalare questi luoghi unici. 

Un ennesimo luogo di grande suggestione, riflettente benessere e appagamento, ideale evasione dalla rumorosità convulsa del fondovalle. 



 

sabato 24 agosto 2019

Cascata di Tret - alta valle di Non




In alta valle di Non, poco prima del confine con la provincia di Bolzano, deviando dalla strada che porta al passo delle Palade, si può arrivare in un grazioso e antico paese chiamato Tret. Da qui, con una breve camminata, immersi nel verde più magnifico del mattino estivo, si può raggiungere l'omonima cascata. 








Si scende in un anfratto boschivo scosceso e a tratti umido, ideale per un adeguato ristoro dalla calura estiva. Ed ecco arrivare a questa magnifica e pittoresca cascata. Nel silenzio del suo proscenio, rotto solo dallo scrosciare dell'acqua, corpo e cervello sono rapiti dall'orrida e selvaggia bellezza delle rocce, sulle quali schiuma e discende il getto d'acqua. E proprio lì, manco fosse un caso, non esiste segnale telefonico, o connessione Internet. Se ne potrebbe avere bisogno?

venerdì 31 maggio 2019

Nova Ponente - sguardo sulle Dolomiti




Siamo in Alto Adige, sopra la Val d'Ega, nel piccolo comune di Nova Ponente, circondato da una panoramica montana fra le più meravigliose del complesso dolomitico. E' impossibile per chi si trova ad attraversare queste zone, non essere richimato dallo splendore delle distese d'erba e bosco, su cui svettano le cime dello Scilliar, del Catinaccio e del Latemar. 




Mi accosto un attimo a questa staccionata, e l'obbiettivo della fotocamera del mio smartphone, cattura l'istante di rigogliosa natura. Da tradurre, poi, in acquerello, con le tinte brillanti e luminose della bella stagione. 

Con questa immagine, avrei piacere di lasciare una dedica particolare, a tante di quelle persone che, non solo qui sul Blog, ma anche attraverso i vari Social dove sono presente, seguono con calore questi "quadretti" del mio territorio, siano esse pitture o fotografie. Specie per chi vive in zone di mare, credo che queste immagini suscitino curiosità, o magari il ricordo di qualche bella vacanza trascorsa in Trentino Alto Adige. A loro, quindi, riservo particolarmente la visione di questo scenario.  

domenica 5 maggio 2019

Telve Valsugana - località Musiera



Sembrerebbe un caso che, a maggio si veda un'immagine come questa, laddove invece sarebbe più normale pensare a prati fioriti e cieli limpidi.
Il clima atmosferico anomalo di questi giorni, richiama meglio questo paesaggio dell'inverno appena trascorso (e sembrerebbe non ancora terminato). 







Ci troviamo in Valsugana, e precisamente in località Musiera, nel comune di Telve. Zona di montagna selvaggia, splendida in tutte le stagioni, ma che nella versione invernale esprime tutta la sua suggestione ammantata di bianco. 

Scarsamente frequentata durante la stagione fredda, ad un'altezza oltre i mille metri, non può che regalare aria limpida e frizzante, da apprezzare mentre si passeggia fra la neve soffice, e un pallido sole invernale dona quella luminosità incandescente e soffusa.  

domenica 31 marzo 2019

Lago di Nembia - Parco Naturale Adamello Brenta




Meno famoso e conosciuto di quello di Molveno, il lago di Nembia dista da questi poche centinaia di metri, ma è altrettanto immerso in quel paradiso naturalistico che è il Parco Naturale Adamello e Brenta. 





Quasi nascosto a chi da Molveno si sposta lungo la provinciale, con direzione San Lorenzo in Banale ma, se si sta attenti, vi si giunge facilmente potendolo così ammirare in tutta la sua smagliante e brillante luce colorata. 
Una passerella in legno lo attraversa nel centro, consentendo così di scorgere la fauna ittica, e la limpidezza delle sue acque. 

Anche qui un'atmosfera di grande quiete, e vicinanza con la natura, da godere specialmente fuori dai fine settimana caotici, respirando un contesto di bellezza e serenità.  

lunedì 4 febbraio 2019

Vipiteno e Brunico - cittadine dell'Alto Adige



Oltre al panorama naturalistico e paesaggistico, il territorio della provincia di Bolzano, comprende alcuni centri molto peculiari e deliziosi, fortemente connotati da un'urbanistica di  chiara impronta austriaca. 


Vipiteno (Sterzing in tedesco) e il suo corso centrale, con la caratteristica Torre delle Dodici (Zwölferturm), offre una piacevole camminata in un clima prettamente mitteleuropeo. I caseggiati alti e dalle tipiche facciate colorate, con i tetti a scala e i famosi Erker (termine in lingua tedesca che indica uno spazio che proietta all'esterno alcune finestre).




Brunico (Bruneck in tedesco) è il capoluogo della Val Pusteria, conosciutissima e frequentatissima vallata, ricca di meraviglie naturalistiche. La cittadina è attraversata dal fiume Rienza, e presenta tutta una serie di archietture di epoca antica molto interessanti. Oltre ad un piccolo e accogliente centro storico, dove riempirsi lo sguardo di deliziosi negozietti. 

Località di modesto affollamento, piacevoli da visitare e fotografare in ogni stagione, punti di partenza per escursioni ai vicini e magnifici paesaggi dell'Alto Adige.  


giovedì 3 gennaio 2019

Alberi e mare in posti lontani.




No, non mi sono trasferito, anche se, il freddo inverno dolomitico mi solleticherebbe a farlo. Magari proprio verso ambienti più caldi e temperati, così come il paesaggio di questi due nuovi acquerelli sembra richiamare. 




I luoghi delle due pitture si riferiscono alla costa pugliese, nei dintorni della famosa cittadina di Ostuni, e mi sono state richieste da un amico la cui consorte è nativa di laggiù, per cui anche lui è solito recarvisi per le vacanze. Fra l'altro, alcuni anni fa, pure io trascorsi un breve soggiorno da quelle parti (località di Torre Canne), e ne conservo tutt'ora un ricordo meraviglioso, non solo quanto al clima, ma anche al paesaggio, così diverso da quello a cui sono abituato, e di grande bellezza naturalistica. 




L'occasione quindi anche per cimentarmi con immagini diverse, prendendo in considerazione l'aspetto marino, per me sempre così foriero di benessere e gradevolezza.