<bgsound src='URL_MP3' loop='infinite'> ISTANTANEE IN ACQUERELLO: Recupero di vecchi lavori.

domenica 27 novembre 2011

Recupero di vecchi lavori.


In questo periodo sono alquanto occupato con faccende di lavoro, e non riesco a dedicarmi con la dovuta stimolazione e operosità, all'esecuzione di nuovi lavori ad acquerello. Non volevo però lasciare troppo vuoto e bloccato il mio angolo in Rete, e quindi sono andato a recuperare vecchi lavori eseguiti circa vent'anni fa. Un periodo questo, dove oramai l'istituto d'arte me lo stavo piano piano lasciando alle spalle, anche a fronte di nuove e diverse prospettive di vita e lavoro. Non potevo però allora come oggi, seppellire completamente questa mia passione e interesse per l'arte e la pittura in genere, e quindi ripresi in mano l'acquerello proprio con la finalità di non recidere definitivamente il rapporto personale che avevo maturato e definito, anche in termini scolastici, con i colori e i pennelli.



Cominciavo, o meglio ancora riprendevo dopo qualche anno, ad eseguire qualche pittura, utilizzando la tecnica in questione per rapidità di esecuzione e contenimento di costi e materiali. Come si può vedere, questi miei lavori sono alquanto semplici e rasentanti l'ingenuità coloristica e compositiva. Avevo perso per strada certa determinazione e vitalità nell'affrontare la carta bianca con matite e colori, quindi il tutto appare molto delimitato ed eccessivamente tonale, regolarmente compresso nel formato del foglio, e con uno scarso utilizzo del chiaro scuro.


In un paio di immagini, quelle con le abitazioni per intenderci, ho ripreso delle vedute di posti relativi a dove abitavo in quel periodo. Le montagne invece sono qualche fotografia reperita su libri o riviste, ma con attinenza sempre al territorio alpino.
Rivedendo questi vecchi acquerelli, mi ha portato un piacevole quanto benefico influsso di ricordi, rammentandomi il periodo in cui li dipinsi, e quindi persone e situazioni ad esso afferenti. Ne dedico lo spirito nostalgico a tutti coloro che passeranno di qui, così come ovviamente agli affezionati visitatori del BLOG.



13 commenti:

Arianna ha detto...

Hai fatto benissimo a pubblicare questi preziosi dipinti.
E' sempre bello rivedere ciò che si è creato, in deteminate circostanze della vita e poi vengono sempre rivalutati da noi stessi.
Buona serata.

Arianna ha detto...

Bella serie, mi piace molto il primo, ricorda i film western! E' vero anche quanto dice la mia omonima, anch'io ho rivalutato alcuni vecchiumi. Ciao, Arianna

Silvia ha detto...

L'ultimo acquerello lo trovo carino nella sua semplicità. Sono belli gli alberi contorti accennati sullo sfondo, e pure lo scorcio. Nel primo invece, oltre ai colori peraltro molto caldi, mi colpiscono le casette...sembrano quelle del presepe :) Hihihi...

bluoso ha detto...

Recupero... dici, e con un po' di nostalgia, visto che i vecchi lavori hanno questo pregio, di rinverdire l'età facendoci ritornare con la mente e con il cuore al contesto là dove sono nati. Bello che tu abbia sentito il desiderio di non abbandonare un pezzo di vita, in fin dei conti ogni passo fatto è valido perchè su di esso si fonda la nostra capacità di avanzare.
Buon fine settimana e un caro saluto. Luigi.

Angelo ha detto...

Rieccomi qui a commentare sul tuo blog dopo un po' di tempo...
Che bello vedere i tuoi vecchi lavori! Acerbi, e' vero... ma gia', in alcuni punti, secondo me si intravedono le basi dei lavori successivi!
E per quanto riguarda gli ultimi lavori del 2011 che hai pubblicato...che dire? Come sempre, complimenti! A me piace particolarmente l'immagine della piazza di Trento... sara' forse per la presenza di toni caldi...
A quando nuovi lavori? Un saluto!!

Angelo ha detto...

Rieccomi qui a commentare sul tuo blog dopo un po' di tempo...
Che bello vedere i tuoi vecchi lavori! E' vero, sono "acerbi", ma si vedono gia' alcune basi per i lavori successivi che hai gia' pubblicato!
E degli ultimi lavori del 2011 che hai pubblicato, che dire? Come sempre, complimenti! A me piace in particolare l'immagine della piazza di Trento... sara' forse per la presenza di toni piu' caldi...
A quando nuovi lavori? Un saluto!

Alex ha detto...

Grazie di cuore a tutti voi. In particolare all'amico Luigi, che ha ben intuito e compreso lo spirito bonariamente nostalgico di questo recupero. Mi sono molto piaciute le sue parole.
Per rispondere anche ad Angelo, che ritrovo con estremo piacere, ribadisco di voler riprendere con qualche nuovo lavoro, appena avrò terminato un certo mio impegno professionale.

Monica Quintavalle ha detto...

Sono molto belli ed hai fatto bene a pubblicarli, capita anche a me, di aprire le cartelline e riguardare i miei lavori, devo dire che lo trovo stimolante nel continuare a dipingere.
Ciao Alex !!!

Alex ha detto...

Grazie Monica, molto gentile e gradito il tuo commento.

Anonimo ha detto...

Proust teorizzava il recupero della memoria come mezzo per analizzare e comprendere il passato, tema ripreso anche da Italo Svevo.
Ben venga quindi anche la rivisitazione dei vecchi lavori in questo senso.
Grazie per la condivisione delle tue opere. Ho già preso ispirazione da alcune di esse, amche se non sono bravo come te...
Ciao, Siegfried
(cambierò nick e blog, ti farò sapere)

Alex ha detto...

Ciao Siegfried, che piacere rileggerti. Grazie per la citazione di Proust, in cui mi ci ritrovo tantissimo. Fammi sapere per il cambiamento di nick e di blog.

Grazia1973 ha detto...

Sono rimasta incantata dai tuoi meravigliosi dipinti. In particolare quelli che ritraggono piazze e vicoli sanno esprimere quasi un sentimento. I tuoi acquarelli danno emozione;sembrano raccontare di ricordi.
Apprezzo molto la nitidezza del tratto.
Complimenti e saluti
Grazia C.

Alex ha detto...

Gentilissima Grazia, il tuo commento è quanto mai gradito, e il BLOG rimane sempre a tua disposizione per ogni eventuale occhiata che vorrai dargli.