<bgsound src='URL_MP3' loop='infinite'> ISTANTANEE IN ACQUERELLO: lungo la val di Fassa.

mercoledì 23 settembre 2009

lungo la val di Fassa.



La prospettiva stradale corre fra splendide distese di erba e boschi freschi e rigogliosi. In fondo si intravedono i massicci dolomitici, sui quali il percorso diventerà erto e tortuoso, raggiungendo luoghi internazionalmente apprezzati e frequentati come il passo Pordoi o il passo Sella.
Mi trovo a transitare lungo la val di Fassa, credo uno dei posti più affascinanti e paesaggisticamente meravigliosi di tutta la regione Trentino Alto Adige. Uno spettacolo naturalistico davvero denso e significativo, dove la bellezza della montagna e del suo ambiente, raggiunge vertici di tipicità e splendore fra i più incantevoli.
Sono quindi tornato ai miei colori, cercando per quanto possibile, di mantenere la cromaticità evidente degli ultimi lavori. Mi piaceva inoltre questa visione, che racchiude in sè il senso del viaggio e del transito, come a ricordare piacevolmente una giornata di prima Estate trascorsa nell'ambito di una gita in quei posti unici e di sempre rinnovato fascino.

11 commenti:

Arianna ha detto...

Quasi un diario di bordo, la prospettiva accompagna lo sguardo fino allo splendore delle Dolomiti, che per me sono le vere protagoniste di questa opera. Bentornato! Ciao, Arianna

Angelo ha detto...

La veduta della Val di Fassa mi porta alla mente tante belle giornate passate viaggiando proprio su strade come quella che hai dipinto, e lunghe passeggiate ai piedi di quelle vette...bei tempi! Il tuo lavoro fotografa molto bene il ricordo che ho di quella Valle da cui manco da tanto tempo... complimenti!

Alex ha detto...

Carissimi Arianna e Angelo, è sempre un piacere ritrovarvi fra i commenti ai miei lavori. Grazie davvero per la vostra presenza.
Le Dolomiti e la val di Fassa, sono davvero un binomio inscindibile di bellezza universale.

Silvia ha detto...

Devono essere posti meravigliosi. Purtroppo ci sono stata solo da piccolissima e non ne serbo il minimo ricordo :(
Bella l'idea della strada che si dirige verso l'orizzonte montuoso ...in mezzo al verde che forse è il colore che ti appartiene di più..almeno secondo me.
Tempo permettendo, anch'io sto misurandomi con un soggetto non dico analogo ma simile...stay tuned!! :)

luigi ha detto...

Certo che la forza dei colori si vede, così come la suggestione del paesaggio. Sai quando stai bene in un luogo e pensi 'ci ritorno di sicuro l'anno prossimo' mentre poi ti accorgi che di anni ne son passati troppi... I tuoi lavori stuzzicano il desiderio di chi non conosce il Trentino, ma fanno leva anche sulla nostalgia di chi ha avuto la fortuna di viverci giorni beati. Ciao e... al prossimo acquerello.
PS. Tempo fa sottolineavi che Arco merita proprio una visita. Beh, mia figlia Sara quest'anno insegna là e ne è davvero felice.

Alex ha detto...

Grazie Silvia, presenza sempre gradita fra i commenti. La strada in prospettiva, è un pò la metafora del viaggio e del lungo percorso da intraprendere, per giungere poi ad una mèta di ampio respiro e beatitudine interiore. Così come la vista che si gode ad oltre 2000 metri di altezza dal passo Sella.
Un grazie di cuore anche a te Luigi, che oramai ti nomino interprete dei miei lavori, quata è precisa e puntuale la tua breve ma intensa riflessione su ciascuno di essi. Un caro augurio per Sara e la sua attività professionale.

Donnachenina blog ha detto...

Ciao caro Alex, da un po' non ci si sente...mi sono un po' persa!
E' molto evidente il tuo amore per i luoghi che rappresenti nei tuoi dipinti, che amana dalle parole che li accompagnano, ci si sente la freschezza che quei luoghi hanno davvero nella realtà.
Non conosco molto il Trentino, l'unica esperienza che ho avuto è una vacanza a San Martino Di Castrozza, tanti anni fa...una vacanza che rimane molto cara nei miei ricordi..c'era ancora il mio carissimo Alessio (mio figlio...che non c'è più da cinque anni...e che avrebbe ora 30 anni)e mi spiace solo che non avevo con me la macchina fotografica e quindi non ho portato a casa nessuna immagine...ma ricordo di essermi incantata come una bimba davanti allo spettacolo di alcuni laghetti di montagna immersi in una varietà di colori da muovere a grande emozione...mi sarebbe piaciuto ripetere quell'esperienza e non è detto che prima o poi non ci tornerò, lì o altrove, perchè davvero credo che il Trentino sia una delle perle che l'Italia offre.
Un buona domenica e ancora un saluto con simpatia
Franca

Alex ha detto...

Gentile Franca, le tue parole esprimono una volta di più, la tua forte sensibilità e rara umanità, sia che parli di un ricordo doloroso che di una vacanza memorabile.
Quanto mi piace sapere che, una persona come te, riesca a cogliere taluni significati che vanno oltre la stesura del colore sulla carta.
Grazie per l'apprezzamento sul mio territorio, che sono certo quel giorno tu vorrai venire a trovarlo, non ti lascerà davvero delusa quanto a bellezza e incanto.
Un caro saluto a te!

Drums ha detto...

Entro per la prima volta nel tuo blog e, nonostante sapessi già del tuo talento, ne rimango piacevolmente attratto.
Certo, detto da uno che non dipinge dai tempi della scuola probabilmente non sarà un granché, ma ci tengo ugualmente a farti i complimenti per i bei lavori che esponi in questo spazio.
Noto anche che rendono molto bene nonostante il passaggio in digitale.
Oggi ho dato una rapida occhiata a quasi tutti i tuoi dipinti e mi sono soffermato su alcuni che hanno attirato maggiormente la mia attenzione. Mi propongo però di ripassare presto per guardare meglio:-)

Alex ha detto...

Carissimo che piacere immenso trovarti qui nel mio piccolo spazio artistico. Grazie davvero per la tua visita e per tutte le volte che vorrai tornarci.

ester ha detto...

finalmente posso guardare i tuoi dipinti e comentarli.ciao.